Case in paglia e legno

ADDIO  CEMENTO, ORA LA CASA E’ IN PAGLIA!!!

L’idea del futuro affonda le sue radici nel passato: realizzare una casa in paglia.

Tanti sono i benefici di questa tecnica costruttiva in paglia e legno che si sta perfezionando e diffondendo sempre di più, soprattutto in Gran Bretagna e negli States.

Sono case ad alta efficienza energetica che permettono di risparmiare molto sui costi di riscaldamento invernale e raffrescamento estivo.

Abbiamo molti edifici in paglia in Italia, in quasi tutte le regioni, compresa Roma città e le isole: questo a dimostrazione che le case in paglia sono adatte a qualsiasi territorio e clima, ma maggiormente a dimostrazione della crescente considerazione per la bioarchitettura, sia da parte di professionisti che di privati,  che ha portato a scoprire e riscoprire tecniche costruttive che utilizzano materiali naturali.

Proprietà della paglia

-Comfort e traspirabilità

Le pareti in balle di paglia sono sane e naturali, non emettono sostanze inquinanti e nocive come la formaldeide (tipico dei materiali “moderni”) e non crea allergie come il fieno.

Un muro in balle di paglia, intonacato esternamente con calce e internamente con terracruda diventa un regolatore naturale dell’umidità interna. La casa, traspirando, fa sì che non si formino condense e muffe nelle pareti, a differenza di molte case tradizionali.

-Isolamento acustico

Il benessere acustico, inteso come condizione di piena soddisfazione psichica e fisica dell’individuo per  all’assenza di rumori nell’ ambiente che lo circonda, è estremamente importante. Le balle di paglia offrono un sensibile miglioramento per quanto riguarda l’isolamento acustico essendo un materiale fonoassorbente.

-Resistenza alle azioni sismiche

Recenti studi e prove di laboratorio effettuate negli Stati Uniti, hanno evidenziato le particolari qualità antisismiche delle case costruite con balle di paglia. In caso di sisma una casa in balle di paglia si comporta molto meglio di altre costruzioni in laterizio o cemento armato, poiché la forza esercitata dal terremoto su un edificio è proporzionale alla massa dell’edificio stesso. Una casa di paglia, essendo molto più leggera, riceve quindi una sollecitazione notevolmente inferiore, senza contare che la flessibilità del materiale consente l’assorbimento delle vibrazioni senza alcuna rottura strutturale.

-Resistenza al fuoco

Uno dei primi dubbi che può venire in mente quando si parla di paglia riguarda  l’infiammabilità. La paglia sciolta è infiammabile, al contrario, la BALLA DI PAGLIA , essendo pressata, contiene al suo interno una bassa percentuale di ossigeno e quindi poco infiammabile (proprio come voler bruciare un elenco telefonico).

Da considerare, inoltre, che c’è anche lo strato di intonaco ad aumentare ulteriormente la protezione dalle fiamme, garantendo il soddisfacimento della Normativa Italiana.

-Isolamento termico

La paglia ha proprietà isolanti straordinarie: un muro in balle di paglia con intonaci in calce e terra cruda permette di realizzare un edificio caldo d’inverno e fresco d’estate. Grazie alla sua bassa trasmittanza termica, è molto facile ed economico raggiungere standard energetici elevati come: CLASSE A o standard di CASA PASSIVA. Ideale quindi per progettare edifici ad emissioni zero.

-Economicità

Per realizzare una casa di paglia, con struttura portante in legno, occorrono dagli 800 ai 1400 euro a metro quadro, quando per la costruzione di una casa in cemento occorrono circa 1.800 euro al metro quadrato. Il costo di una parete può variare dai 7 ai 40 euro al metro cubo; quello di una singola balla comperata direttamente dal produttore parte da 1,5 euro.

Durata di una casa in paglia

Una casa in balle di paglia, se ben progettata e costruita, può durare per decenni. Logicamente dev’essere costantemente monitorata, come qualsiasi casa, ma la paglia utilizzata non subisce deperimenti significativi a lungo termine. Ciò che è importante sottolineare, per ottenere un buon risultato, è l’attenzione particolare che si deve porre nei confronti dell’intonaco esterno ed interno che va a ricoprire la paglia, così da ottenere la maggior traspirabilità possibile e la necessaria protezione dagli agenti atmosferici.

Al momento le case più antiche e tuttora utilizzate in ottimo stato, risalgono alla seconda metà del 1800 (quando è nata la macchina imballatrice!); la più vecchia in Europa è del 1921 in Francia.

Lo staff  tecnico di Nuove Architetture estremamente capace, con una grande esperienza alle spalle di ingegneria del legno, riesce a progettare strutture con incastri a norma, molto efficienti ed economiche.